toscana

La Regione Toscana si appresta a rimuovere i vincoli che imponevano la gestione professionale a partire dal terzo immobile concesso in locazione e oltre i 90 contratti stipulati nel corso dell’anno solare. La Proposta di Legge, già approvata dalla Giunta Regionale, aspetta l’approvazione finale del Consiglio Regionale. Una volta approvata sarà nuovamente possibile per i privati affittare ai turisti anche tre, quattro, cinque o più appartamenti arredati (senza prestazione di servizi accessori) per brevi periodi e per un numero illimitato di volte durante l’anno. La modifica dell’articolo 70 punta a evitare la dichiarazione di illegittimità costituzionale chiesta dal Governo (con ricorso alla Consulta promosso il 27 febbraio 2017). Pertanto, per far decadere il ricorso, la modifica sarà apportata entro il 20 Febbraio, data prevista per la prima udienza di fronte alla Corte Costituzionale.


Proposta di legge n.251 del 25-01-2018
Modifiche alla legge regionale 20 dicembre 2016, n. 86 (Testo unico del sistema turistico regionale)

Relazione Proposta di Legge

Art. 21 – Sostituzione dell’articolo 70 della l.r. 86/2016
Si riformula la norma sulle locazioni turistiche, il cui contenuto è stato ritenuto invasivo della competenza legislativa statale in materia di diritto civile.

Articolato Proposta di Legge

Art. 21
1. L’articolo 70 della l.r. 86/2016 è sostituito dal seguente:
“Art. 70 Locazioni turistiche
1. Alle locazioni turistiche, come disciplinate dall’articolo 53 del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79 (Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo), si applicano le disposizioni di cui ai seguenti commi.
2. Le locazioni di cui al comma 1 possono essere gestite in forma indiretta tramite agenzie immobiliari e società di gestione immobiliare turistica.
3. I proprietari e gli usufruttuari che concedono in locazione alloggi per finalità turistiche comunicano al comune dove gli alloggi sono situati l’eventuale forma imprenditoriale di esercizio dell’attività e le informazioni relative all’attività svolta, utili a fini statistici, definite con deliberazione della Giunta regionale, previo parere della commissione consiliare competente.
4. La deliberazione di cui al comma 3 definisce altresì le modalità e i termini con cui sono effettuate le comunicazioni di cui al medesimo comma 3.
5. Gli alloggi locati per finalità turistiche devono possedere:
a) i requisiti strutturali e igienico-sanitari previsti per le case di civile abitazione;
b) le condizioni di sicurezza e salubrità degli edifici e degli impianti negli stessi installati ai sensi della normativa vigente.
6. Chi dà in locazione alloggi per finalità turistiche è soggetto all’applicazione delle seguenti sanzioni amministrative:
a) nel caso in cui vengono forniti i servizi accessori o complementari propri delle strutture ricettive, alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1.000,00 a euro 6.000,00;
b) nel caso di incompleta o omessa comunicazione di cui al comma 3, alla sanzione amministrativa pecuniaria da 250 euro a 1.500 euro.”.


La Casa che avanza aveva più volte espresso molti dubbi sulla normativa toscana (si veda la sezione “Approfondimenti”) sottolineando che non è competenza regionale identificare i parametri con i quali definire la nozione e lo statuto dell’imprenditore commerciale ma bensì alle vigenti disposizioni civilistiche in materia.

Fonte: ilsole24ore



5 utenti consigliano l'articolo
Paolo Gasparri
Autore: Paolo Gasparri

Co-Founder de La Casa che Avanza e coordinatore della piattaforma web. Responsabile dei rapporti con Enti e Istituzioni.
Visualizza il profilo dell'autore

Ricevi notifiche
Rimani sempre aggiornato
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Affidaci la promozione del tuo immobile o della tua struttura ricettiva. Noi ci occuperemo di creare e gestire per tuo conto gli annunci sulle principali piattaforme dedicate agli affitti turistici, tu preparati a ricevere ospiti da tutto il mondo!

SCOPRI LA NOSTRA OFFERTA

Iscriviti gratuitamente al portale de La Casa che Avanza, rimani sempre aggiornato sulla normativa e gli adempimenti fiscali che regolano il settore degli affitti brevi. Clicca qui e iscriviti!